Terra Mobile - Atlante della società globale

Il mondo va in un’altra direzione, bisogno ritrovarlo e di nuovo superarlo, facendolo nostro, con la nostra storia e la nostra capacità di concepire la vita e la morte. Per questo motivo è opportuno ritrovare nuovi codici, linguaggi, visioni capaci di dispiegare nuovi territori, nuovi orizzonti per ognuno di noi, per le nostre città, per i nostri paesaggi naturali, per il nostro pianeta.       

La globalizzazione ha rimesso in primo piano il globo, cioè la Terra, come se, ormai stanco, Atlante fosse fuggito abbandonandolo fluttuante nello spazio. Alla sicurezza stanziale garantita dallo Stato si è sostituita l'infinita mobilità di conoscenze, capitali, merci e persone. Una mobilità non soltanto fisica ma anche cognitiva: riferita cioè allo stato del pianeta e al rapporto fra natura e razionalità tecnica, ma pure alla forma trans-locale, trans-nazionale dei saperi, della conoscenza, dei processi istituzionali necessari a fronteggiare la crisi profonda che si e aperta. L'attuale dimensione globale del mondo impone un nuovo orientamento nel pensiero. Parafrasando Cocteau, e come se il Minotauro avesse inghiottito il labirinto. Terra mobile parte da qui, proponendo al lettore un nuovo approccio al tema dello spazio non solo da parte delle discipline territoriali ma anche del pensiero giuridico, che vede lo spazio sfuggire alla tradizionale dimensione regolativa nazionale e internazionale, del pensiero sociologico che ha sin qui ragionato per strutture sociali endogene, del pensiero filosofico, geografico, storico e antropologico. Terra mobile e un atlante per pensare e agire dentro l'attuale, confusa transizione globale, coniugando pluralità di punti di vista e unita di obiettivi, e si avvale dei contributi di sociologi, filosofi, geografi, giuristi e storici.       

Guarda ed ascolta il confronto sul tema:  

"Terra mobile", Paolo Perulli, Massimo Cacciari, Enzo Rullani

https://youtu.be/ajDgN7ZyR_Q