"L'età contemporanea. Una Storia globale" di Francesca Canale Cama

La conoscenza della Storia, della sua trama temporale e geografica, richiede un grande salto d'innovazione. I profondi processi tecnologici a scala globale hanno rimesso in discussione la vecchia percezione delle  relazioni in cui si produce e si consuma "Storia". L'ubiquità della nostra esperienza quotidiana ha compromesso definitivamente il corpo e la sostanza del produrre e consumare "Storia". Quindi benvenute tutte quelle ricerche o contributi sistematici che ci permettono di attraversare nuovi territori, nuovi punti di vista, su questo nuovo modo di percepire la "Storia" contemporanea. Il contributo della Prof.ssa Francesca Canale Cama, ci permette di fare un primo passo, quello di posizionarci in una scala meno eurocentrica, più relazionata e meno gerarchica sul piano temporale e spaziale. 

C'è molto da fare, da questo punto di vista, molte decisioni sono fortemente condizionate da questo inattuale punto d'osservazione. La nuova classe dirigente, in particolare meridionale, deve urgentemente collocarsi sul piano orizzontale della competizione globale e quindi illuminare tutte le possibili relazioni agenti sul tavolo produttore di "futuro", premessa fondamentale per rileggere con occhi nuovi la vecchia "Storia". 

Francesca Canale Cama insegna Storia contemporanea, Storia d'Europa e del Mediterraneo e Global History all'Università della Campania "Luigi Vanvitelli". 

Nella sua attività di ricerca ha dedicato ampio spazio ai temi del socialismo e del pacifismo nella Grande guerra e al Novecento euro-mediterraneo. Tra le sue più recenti pubblicazioni, Storia del mediterraneo moderno e contemporaneo (con D. Casanova e R.M. Delli Quadri, diretta da L.Mascilli Migliorini, Guida 2017) e Una guerra mediterranea (a cura di, Rubbettino 2019). Per Laterza, Storia del mondo. Dall'anno 1000 ai giorni nostri (con A. Feniello e L. Mascilli Migliorini, 2019).