Le fughe di Elisabetta: alla ricerca dell'isola perduta.

Abbiamo conosciuto Elisabetta (Elisabetta Baou Madingou), nello splendore della luce di Antiparos, attraverso un nostro amico comune (Federico Iris Osmo Tinelli) che è rimasto altrettanto folgorato, qualche anno fa,  dall'incontro con l'oramai conosciutissima isola delle Cyclades.

Dice Elisabetta: Antiparos non è tra le più belle!!! Ma quando si approda tra le sue membra fisiche-urbane e paesaggistiche, ci si sente a "casa", perchè c'è la possibilità d'incontrare amici, intrecciare nuove esperienze, ma cosa fondamentale perchè l'isola ti obbliga a fare "esperienza" con il proprio "tempo", quello privato-intimo e pubblico.-collettivo. 

Appunto, ogni suo ospite è come obbligato a fare un viaggio dentro se stessi,  guardarsi dentro e ri-attraversare il senso della propria avventura su questa "terra". Definire i limiti reali della propria presenza, attraversare la dilatazione dei propri confini culturali, percettivi ed esperienziali.

Passare da un'esperienza quotidiana metropolitana, in cui vige la "dittatura del presente", si passa a quella di un tempo decantato, diluito, amplificato; dove le cose, le persone e la realtà isolana, iniziano a chiedere l'impegno dell'ascolto, scompaginando la metrica del proprio vissuto.  

Ed è in uno di questi passaggi che Elisabetta si colloca per esternare le proprie impressioni, il senso di un personale viaggio, in cui s'intrecciano consolidati umori, riferimenti letterari, cinematografici, insomma stranamente, tutto ciò che è fortemente metropolitano, il tutto in uno spazio circoscritto, come quello di un'isola. 

Allora vuoi vedere che parlando di Antiparos, o di qualsiasi altra isola, continuiamo a parlare di città, di metropoli? Vuoi vedere che ognuno di noi nell'intraprendere una fuga dalla città, intraprende una ricerca che sembra distante da essa, ma nello stesso tempo la conferma pienamente? Allora perchè fuggire? Questo è il mistero del viaggio moderno. 

Ad Elisabetta allora chiediamo di farci da grande guida moderna in questo mistero, collaborando alla nostra piattaforma Time Experience, anche per i prossimi mesi, che ci serviranno a definire, quanto meglio possibile, una serie di iniziative sull'asse Milano-Napoli- Atene-Antiparos, dal titolo "Time Experience 2022".

Allora!!!!!  Buona permanenza sulla nostra isola virtuale ed immaginaria. 

https://mardousthinkingaboutshoes.wordpress.com/2021/09/15/holiday/